"Da tutte le parti si sentono le notti e i giorni risuonare di forti richiami, nel respiro di migliaia di vite" (R. Tagore)

giovedì 14 dicembre 2017

Kit regalo solidali

Quest’anno l’Associazione Nisshash propone un’idea regalo per Natale a sostegno dei progetti di Suor Maria Luisa Caruso e di Padre Luca Galimberti.

L'idea regalo consiste in un kit costituito da:
- alcune foto della realtà che viene sostenuta
- spiegazioni inerenti il progetto che viene finanziato
- un piccolo magnete decorativo.

Proponiamo 2 Kit regalo del costo di 30 euro l'uno.
Kit Istruzione: consente di finanziare la frequenza scolastica per i bambini di una famiglia di Shiré in Etiopia
Kit Luce: consente di finanziare l'impianto fotovoltaico domestico per una famiglia dei villaggi intorno a Bouaké in Costa d’Avorio.

Qui sotto trovate i dettagli dei due Kit che, oltre a donare consapevolezza, consentono di portare serenità a chi potrà frequentare una scuola e a chi potrà avere un po’ di luce in casa.

Kit Istruzione...Vai a Kit Istruzione
Kit Luce..Vai a Kit Luce  - i dettagli del progetto...(in francese)

Se siete interessati ad avere i kit da regalare scrivete una mail a info@nisshash.org indicando un vostro recapito telefonico. Sarete contattati per accordarci su come ritirare il kit.

Grazie e auguri di buon Natale a voi tutti.

venerdì 13 ottobre 2017

Viaggiatori sulla terra / p.Luca

Nella giornata per la custodia della Terra mi unisco volentieri alla vostra riflessione-in-cammino, dalla terra d’Africa, la terra più antica per la storia dell’uomo e dal mio quartiere di Belle Ville in Costa d’Avorio.  Il tema di quest’anno: “Viaggiatori sulla Terra” mi a subito incuriosito perché tocca direttamente la mia esperienza: il missionario come - pellegrino e viaggiatore - aperto nel suo pellegrinare all’incontro con popoli, etnie, culture diverse; un uomo alla scoperta di luoghi, di tradizioni, di lingue e canti. Resto sempre sorpreso della ricchezza di un mondo diverso da quello in cui sono cresciuto e che tra l’altro non esiste più perché anche lui è cambiato.
Dunque tutti siamo in viaggio senza possedere un luogo, siamo in-cammino e accompagnandoci a 7 miliardi di persone… ma il problema è che questa nostra Terra, casa per tutti i popoli e dono immenso, purtroppo a causa dell’uomo mostra ovunque tante, troppo sofferenze, ingiustizie contro i più piccoli, gravi forme di povertà. Non siamo nel Paradiso terrestre siamo sulla Terra.
Allora diviene importante, qui sulla terra, imparare a crescere come uomini corresponsabili, innamorati di questa casa comune attraverso scelte intelligenti che producano vita, la valorizzino e la difendano dalla violenza e dallo sfruttamento che i nostri padri ci hanno trasmesso. Cementificazione, industrie di armi, colonialismo, inquinamento, sfruttamento delle risorse naturali, disprezzo dei popoli chiamati: razze inferiori, guerre inutili, commercio della droga…ecc.
Tutto questo va cambiato perché è ancora parte del presente e ci affligge mortalmente. Se la vita è il nostro vero viaggio,  il divenire pienamente uomini e donne ricchi in umanità dice il compito a cui siamo chiamati: non si viene al mondo da soli, non ci si fa da soli e non si diviene adulti rifiutando di trovare soluzioni condivise con l’obbiettivo il bene in comune.
Vi auguro che la bellezza in cui vivete e il percorso di oggi,  vi porti a diventare sempre più città aperta, sensibile a ogni dolore, esigente nell’ insegnare la comune origine di ogni uomo, pronta a difendere ogni scelta di pace ad immagine del santo patrono dell’Italia: san Francesco d’Assisi.  Ora vi saluto uno per uno con affetto.
p.Luca Galimberti

Viaggiatori sulla terra / ps. Valeria

Questa giornata per la custodia del creato con il tema “viaggiatori sulla terra”, mi ha fatto immediatamente pensare agli anni vissuti in Paraguay, in terra guaranì.
Nel 2012 infatti con altre due piccole sorelle, una argentina e l’altra francese abbiamo iniziato una fraternità in un villaggio nella Regione di San Pedro nel nord-est del Paese. Abbiamo scelto questo villaggio come nostro luogo di vita dopo aver fatto un primo viaggio di conoscenza, lasciandoci guidare dagli incontri, dalla vita e da quello che ciascuna di noi sentiva e intuiva cammin facendo... Un po’ in bus, un po’ accompagnate da laici o sacerdoti con la loro jeep, un po’ facendo l’autostop. Siamo arrivate con poche cose. Abbiamo desiderato arrivare con le mani vuote, per poter metterci in ascolto della realtà che ci ospitava e accoglieva. E’ così che abbiamo vissuto i primi 5 mesi nella casa di una delle infermiere del villaggio, abitando una delle due stanze che aveva e condividendo letteralmente la vita con lei e la sua piccola di un anno e la sua mamma.
E’ stato profondamente bello poter metterci alla scuola della gente di lì, imparare piano piano i gesti quotidiani che fanno la loro vita: l’acqua da raccogliere, il fuoco per cucinare, la legna da cercare, la pesca, l’orto, le galline, e poi il cibo, la lingua nuova, i riti della fede popolare, il rito del  mate e del tererè. Abbiamo anche potuto gustare la straordinaria e esuberante bellezza della natura in cui è avvolto il villaggio: il grande fiume Paraguay che accoglieva splendidi tramonti, gli alberi di mango, pompelmo, le palme, il cielo stellato, incredibile quando la luce elettrica salta… e succedeva spesso… E’ stato bello scoprire dal di dentro, un modo altro di approcciare la vita, di vivere le relazioni, di accostarsi alla Terra, terra che, per il popolo guaranì come per tutti i popoli originari dell’America Latina, è innanzitutto Madre che ci nutre e sostiene e con la quale si deve cercare di vivere in equilibrio e armonia.
Questa ricerca di armonia e equilibrio con la Terra è quello che questi popoli chiamano “El Buen Vivir”, Sumak kawsay (in quechua de Ecuador), Suma qamaña (in aymara), Teko porâ (in guaraní), Küme mogen (mapuche del Chile y Argentina), i cui principi sono la reciprocità, la solidarietà, la uguaglianza, il rispetto mutuo della diversità. A partire dal “Buen Vivir” quello che si promuove in queste società è la vita “in comunità” che non spinge all’accumulo e il consumo sfrenato, ma incoraggia piuttosto a tenere quanto basta per vivere degnamente, e ad accostare natura e persone con profondo rispetto. L’essere umano, la comunità sono infatti parte di qualcosa di più amplio, son parte di un circuito naturale di vita, sono Terra, vita, natura, quindi ogni azione che danneggi o distrugga la natura è di fatto un suicidio.
Personalmente, adesso che vivo a Milano, l’esperienza vissuta in Paraguay e l’apertura a sapienze e modi di vivere altri, mi invitano a resistere a un sistema che mi spinge a consumare sempre di più, sistema che, per dirlo con le parole di  Evo Morales, presidente di Bolivia, “trasforma tutto in merce: l’acqua, la terra, il genoma umano, le culture ancestrali, la giustizia, l’etica, la morte” e a cercare di rimanere sintonizzata con ciò che davvero è importante per vivere. Gli anni in terra guaranì sono un invito per me oggi a scegliere cammini di sobrietà e di semplicità, di rispetto e di giustizia, perché tutti possiamo vivere con dignità, cercando di camminare sulla Terra come viaggiatrice grata che sa accogliere, rispettare e valorizzare la bellezza della vita nelle sue molteplici e diversissime forme, con stupore, umiltà e responsabilità!      
piccola sorella Valeria

Viaggiatori sulla terra / Sr. Maria Luisa

Addis Abeba, 28 Settembre 2017

Qualunque strada percorriamo, in salita o in discesa, asfaltata o ancora sterrata, a qualunque ora del giorno, sotto il sole o sotto la luce della luna e delle stelle, in qualunque parte dell’Etiopia ci troviamo, accanto a noi che viaggiamo in macchina, c’è qualcuno che cammina.
Sono spesso donne cariche dei pesi della spesa fatta presso il più vicino mercato, curve sotto il peso di sacchi di teff, farina o altre cereali, sono giovani donne affaticate sotto il carico di taniche di acqua, .... sono uomini che portano sulle spalle pesanti aratri o lunghi legni, sono uomini che nella notte trasferiscono il bestiame da un mercato all’altro o cammelli dal centro dell’etiopia ai mercati del Sudan....  Un popolo in cammino, un popolo di viaggiatori!
Quante volte avrei voluto fermare la macchina ed accogliere qualcuno di loro.... ma, “no”, mi dicono spesso i miei amici e traduttori etiopici: “se accogli una persona allora devi accogliere tutti gli altri e come lo puoi fare?” Lascia che camminino, che chiacchierino, che si incontrino! Sì il cammino diventa occasione di socializzazione, di conoscenza, di condivisione.
Ogni quavolta  suona il corno per annuncare la morte di qualcuno, ecco il popolo in cammino, avvolto nel manto bianco, la tradizionale Nasela: da ogni villaggio, da ogni montagna, lungo ogni sentiero c’è qualcuno che cammina per raggiungere il luogo della celebrazione del funerale. Nessuno deve rimanere a casa, nessuno, anche chi è lontano non può essere assente dal funerale: è il momento più importante della vita, è il momento della comunione e della solidarietà. L’importante è esserci.... anche se il cammino può durare alcune ore!

Ed è proprio camminando, osservando, ascoltando che anch’io sono entrata a poco a poco in questa terra dal paesaggio così vario, così ricco e così espressivo in cui tutto assume un valore simbolico, strettamente legato alla cultura e alla fede. Le montagne per lo più rocciose e aride sono i luoghi più alti per sentirsi vicini a Dio, luoghi privilegiati verso cui salire e pregare presso le chiese e i monasteri; i laghi e i fiumi in cui scorre l’acqua, sono luoghi verso cui camminare per ritrovare la salute, sono i luoghi in cui l’acqua è considerata santa e strumento di guarigione. E quando al termine della stagione delle piogge i campi ormai verdi si rivestono di un luminosissimo colore giallo dei “Galgale Meskel” , i fiori della Croce, ecco che il popolo si incammina verso le piazze e i luoghi più spaziosi per celebrare la festa della Croce Gloriosa con preghiere, canti, danze e con il fuoco che brucia la croce, simbolo di purificazione e di rinascita!

Nulla è lasciato al caso, ma tutto, proprio tutto diviene occasione per ringraziare e lodare il Signore. Ad ogni saluto in qualunque momento e in qualunque situazione la risposta è sempre la stessa e sempre molto chiara “Igziavier Imasghen” cioè “Ringrazio Dio, o rendiamo grazie a Dio”.

Ed io stessa ho imparato a riconoscere in ogni evento e in ogni situazione il dono prezioso di Dio e con il popolo Etiope ho imparato a lodare incessantemente e ringraziare il nostro Signore. Ed ora lo ringrazio per questi otto anni di cammino in questa terra, otto anni in cui ho sentito lavorare in me la delicata azione dello Spirito che, attraverso i vissuti quotidiani, i lunghi cammini, e gli occhi grandi e vivaci soprattutto dei bambini e delle donne mi ha portato a guardare la realtà con nuovi sguardi. Gli occhi di chi ha imparato a scoprire la vita e ogni istante come un dono da vivere in gratitudine e in condivisione.
Mai un lamento di fronte alla fatica, ma silenziosa e tenace sopportazione, non un gesto fatto di fretta, ma meditato, con pazienza e con sorriso.... non un’azione compiuta velocemente, ma meditata e condivisa prendendo tutto il tempo necessario.
Non competizione esasperata, ma solidarietà nonostante tutto.....e sopra ogni altra cosa, accoglienza straordinaria. L’ospite è sacro, e lo è davvero: la tradizione poggia le sue radici nella tradizione biblica. Ad ogni ospite che arriva, spesso a piedi e dopo ore di cammino, tutto ciò che di più prezioso si trova in casa deve essere offerto: il miele bianco e il pane ancora caldo e nelle grandi occasioni il miglior capretto!
Quante volte mi è stato offerta una tazza di caffè.... l’unica tazza, l’unica bevanda presente in quel momento in quella casa!

Così, in questo mio cammino in terra d’Etiopia, ho scoperto o ri-scoperto il valore del tempo, dell’incontro, della speranza e soprattutto della fede. Con ogni singola persona che ho incontrato nel mio viaggio non posso che dire “Igziavier Imasghen”!

Grazie a Dio e grazie a voi tutti che in modi nuovi, ma sempre profondi ed efficaci sostenete le nostre missioni!

Buon cammino!!!

Sr Maria Luisa Caruso, Suora della Carità di Santa Giovanna Antida

lunedì 8 maggio 2017

Incontro alla differenza dell'altro

Vi aspettiamo Venerdì 12 Maggio alle 20.45 presso l'aula magna della CDG...


giovedì 30 marzo 2017

Mercatino di Pasqua 2017

Colombe e altre golosità che potrete trovare sabato 1 e domenica 2 aprile all'uscita delle Sante Messe per sostenere i progetti dei nostri missionari. Vi aspettiamo! I volontari di Nisshash


giovedì 9 marzo 2017

Campagna tesseramenti 2017


Sta arrivando finalmente il "rinnovamento" legato alla Primavera ma...ancora non tutte le adesioni alla nostra associazione sono state rinnovate!  Il rinnovo della tessera può sembrare piccola cosa, in realtà rappresenta per noi e per i nostri amici missionari il segno di una vicinanza che non viene meno!
in questo periodo l'Etiopia sta vivendo momenti non facili, sia per il travaglio socio-politico con un freno all'economia che sta costringendo molti ad una vita di povertà, sia per la grave carestia che spinge centinaia di migliaia di profughi dal Sud Sudan in Etiopia.

In Costa d'Avorio sono riprese le violenze tra l'esercito e il governo, l'anno accademico ha riaperto i battenti in ritardo e chi fa più fatica rimane sempre più indietro. Abbiamo chiesto a padre Luca di contare su di noi se mette a fuoco storie di povertà per cui può servire un intervento urgente. 
Padre Daniele è stato in Ciad per l'ordinazione del nuovo vescovo e ci ha mandato testimonianze ed immagini di un popolo che tenda di sviluppare tutte le potenzialità che ha: lo inviteremo presto per avere anche la sua testimonianza diretta tra noi.
Infine la Fraternità di Valeria si prepara alla visita di Papa Francesco alle Case Bianche nella periferia milanese, ma soprattutto continua ad intessere fili di relazioni d'amicizia con chi le abita: anche a loro abbiamo chiesto di venire a donarci la testimonianza di una vita semplice e comune ma aperta al mondo intero!
Con tutte queste storie nel cuore ripartiamo con sempre maggior entusiasmo per comprendere come crescere in umanità e fraternità : attendiamo proposte creative per la primavera, oltre a quelle più tradizionali, cioè la vendita dell'1 e 2 aprile e la camminata " missione possibile"! 
ATTENDIAMO ALLORA CHE TUTTI RINNOVINO LA PROPRIA ADESIONE A NISSHASH ( se non siete stati ancora contattati, chiamate direttamente il vostro referente o qualcuno dell'associazione) E CHE NUOVI AMICI VENGANO INVITATI AD ENTRARE A FAR PARTE DI NISSHASH - RESPIRO, sia donando i 20.00 euro della tessera 2017 sia donando il loro tempo e le loro energie!


E non dimenticate di riguardare le nostre bellissime BOMBONIERE SOLIDALI. Fate girare la voce tra amici e parenti in occasione di feste e ricorrenze.

A presto e grazie!!!!

sabato 25 febbraio 2017

Bomboniere solidali

Arianna e Alberto per il loro matrimonio hanno scelto le bomboniere fatte da Nisshash per sostenere i progetti  dei missionari Erbesi. Tantissimi auguri!




giovedì 26 gennaio 2017

Non violenza, una scelta uno stile

Ecco gli eventi del Mese della Pace che verranno proposti in questi giorni...

questa sera....



Il primo Natale in Costa d'Avorio

Bouakè, 12/gen/2017

Caro Angelo, Giovanna e amici di Nissash
mi metto a scrivere dopo questi giorni importanti del calendario e dopo la ripresa di un ritmo più ordinario nella vita della città e nel  Paese. Non siamo riusciti a scambiarci formalmente gli auguri anche se nel cuore penso ci siamo accompagnati comunque. Ho letto e seguito la preparazione del Natale dell’Associazione, le vostre news e quelle  di Sr. Maria Luisa dall’Etiopia e di Sorella Valeria; grazie!
Io ho vissuto Il mio primo Natale in Costa d’Avorio in modo semplice e classico per un missionario: in villaggio, veglia e messa alla luce delle candele attorniato da una piccola comunità riunita nella notte. Una  celebrazione costruita di tre lingue locali più il mio francese asciutto. Al Gloria cantato nell’oscurità  davanti a noi la viva rappresentazione della santa Famiglia con il piccoletto in fasce tenuto in braccio: semplicemente, per osservare  e  comprendere il Dono ricevuto! Poi  il rientro e la messa del giorno al centro della Missione con la grande comunità; una messa gioiosa e stracolma di famiglie; verso le 15 un pranzo in comune, un piatto di riso e un po’ di carne conquistati, preparato per i tantissimi bambini circa 400. A seguito lo spettacolino con danze e canti. La sera alle 21 tutti in chiesa per il film della Natività…una chiesa piena di ragazzi, giovani, genitori e che a un certo punto cadevano  addormentati sulle panche in pace.
Ritorno per la fine dell’anno in Città, da solo questa volta, facendomi invitare per la veglia in una Parrocchia vicino all’Università partecipo all’evento della chiusura dell’anno e all’ingresso nel nuovo. Quella sera attraversando Bouakè  attorno alle 21.30 ero  rimasto colpito…credo di aver visto la quasi totalità dei cristiani della città, di tutte le denominazioni, affollare le Chiese che, tutte ben  aperte e illuminate già risuonavano nel  tepore della notte, di canti di festa e di preghiere…nessuno deve restare in casa la viglia del Nuovo Anno. La mia parrocchia era già gremita per una veglia che sarebbe terminata alle 5 di mattina con la Messa  di Capodanno. Tutti siamo seduti o in piedi  e la ripresa di canti conosciuti, di danze e gesti, le riflessioni  dei sacerdoti, la conduzione con le esortazioni dei laici, tutto ci conduceva ai temi del ringraziamento, della richiesta di perdono dal male, della gioia di conoscere il Signore Gesù e la sua storia, del desiderio di entrare nel nuovo anno con un cuore nuovo. Mi sono sentito libero e attorniato da una assemblea che come me cantava e pregava unita…una bella esperienza. Devo dire che ho sentito anche un po’ d’amarezza, pensando all’Europa e alle e Chiese chiuse la notte di Capodanno, alla frenesia di cenoni con brindisi augurali spesso incolore, poco il senso e la fede, forse pieni di solitudine …e mi sono chiesto: ma chi è davvero più povero nella vita?
Mattina primo giorno dell’Anno 2017 alle 10 sono alla messa solenne in Monastero e poi pranzo in una Casa di accoglienza per bambini di strada che mi hanno indicato. Mi sembrava iniziato bene l’anno.
Improvvisamente giovedì 5 gennaio la mattina presto, l’Esercito congela la città, blocca gli accessi, spara colpi in aria…seguono tre giorni di trattative con il Governo, mentre altre caserme  protestano e i blocchi nelle grandi città si diffondono. Mi ritrovo chiuso in casa, il Vicario della Diocesi chiede a tutti i preti di non uscire, di restare in casa. Siamo tutti piombati in un silenzio assurdo, surreale. Nessuno circola, nessuno si avventura per le strade. Solo il rumore frequente di colpi d’arma da fuoco e quello di un elicottero bianco dell’ONU che sorvola due volte al giorno la città per osservare. Seguiamo tutti  le notizie alla radio francese.
Finalmente sabato sera, trovano un accordo alle richieste dei militari che lentamente rientrano nelle caserme. Domenica mattina piano piano vado in Chiesa, ci troviamo quasi come nel giorno della Risurrezione, fuori da un tempo inimmaginato. Il paese ha toccato ancora una volta tutta la sua fragilità. Mentre vi scrivo questa settimana uno sciopero già previsto di cinque giorni, ha fermato tutto il settore pubblico, Uffici, Comuni, Scuole incluse.
 “La violenza non ripaga mai” scrive il nostro Arcivescovo sui giornali “ occorre arrivare a nuove abilità di dialogo di concertazione, d’intesa ”. E penso che anche lo scorso anno quando ero a Parigi a studiare francese, avevo vissuto questi problemi;  per quattro settimane Parigi in balia di scioperi selvaggi: dalla nettezza urbana, al carburante, ai trasporti.
Tutti si reclama l’urgenza di un salario degno o di nuove possibilità e invece chi ha già molto non vuole cambiare assolutamente nulla. Come ritrovarci, come imparare ad ascoltare, come venirsi incontro per vivere meglio tutti?
Cerco, trovo forse una risposta nelle parole di Zygmunt Bauman in ricordo di Lui, un uomo saggio: «La guerra si sconfigge solo se diamo ai nostri figli una cultura capace di creare strategie per la vita, per l’inclusione, dell’equa distribuzione dei frutti della terra e del lavoro che non rappresentano una pura carità, ma un obbligo morale. Dobbiamo creare posti di lavoro reale e ben pagati per i giovani  e passare dall’economia liquida ad una posizione che permetta l’accesso alla terra col lavoro». E prosegue… «Papa Francesco dice che questo dialogo deve essere al centro dell’educazione nelle nostre scuole, allo scopo di dare strumenti per risolvere conflitti in maniera diversa da come siamo abituati a fare». «L’acquisizione della cultura del dialogo non è una strada facile da seguire, una scorciatoia. L’educazione è un processo di tempi lunghissimi, che necessita di pazienza, coerenza, pianificazione a lungo termine. Si tratta di una rivoluzione culturale rispetto al modo in cui si invecchia e si muore prima ancora di crescere». 
Ce lo auguriamo vicendevolmente, all’inizio di quest’anno 2017, mentre “doucement”  attivo un programma di incontri, di ricerca, di amicizie attraverso cui continuare la mia presenza di prete in collaborazione al Cappellano dell’Università. Studio, osservo, imparo, domando con tanta pazienza.
Un caro saluto a ciascuno!!  

Père Luca